Chiude il progetto Mihogo, apre la cooperativa Rimato

13 06 2016

Vitengeni Primary, may 2015Eccoci arrivati alla fine. Siamo stati insieme più di 3 anni, dalle difficoltà iniziali nel far partire le attività tra tutti gli inghippi burocratici, alle soddisfazioni nel vedere centinaia di contadini prima piantare le varietà di manioca con le tecniche che promuovevamo, e poi trasformare i tuberi nella farina alla base dei loro pasti.
In tanti hanno lavorato alle attività che ci hanno portato da una situazione in cui la manioca era vista come il cibo dei poveri e usata solo in situazione di carenza di mais, fino al punto in cui siamo oggi, ovvero in cui i gruppi di contadini hanno la capacità produttiva per soddisfare, oltre ai loro bisogni di sussistenza, anche grandi compratori locali come le scuole primarie: il 20 giugno la prima scuola comincerà ad acquistare da un’unione di 4 gruppi di contadini nell’area di Vitengeni il mix di farine di manioca e fagioli con l’occhio per la preparazione del porridge per 400 bambini.
Oltre allo staff di CAST, non posso non ricordare l’apporto dello staff tecnico di campo e dei funzionari del governo della Contea, dai nutrizionisti agli agronomi, che ci hanno sempre supportato a superare gli ostacoli quotidiani, grazie a persone appassionate e preparate, facendo propria la strategia di sviluppo della filiera messa a punto dal progetto Mihogo. Ugualmente fondamentale è stato il supporto da parte dei consulenti intervenuti: il Kenya Agriculture and Livestock Research Organisation per la parte agronomica, Veterinari Senza Frontiere per la valutazione di metà progetto e Green Water per le attività di raccolta dell’acqua piovana. Leggi il seguito di questo post »

Annunci




Ghiaccio, pesce e relazioni sociali

14 04 2016

DSC_1543Il progetto Mama Karanga è ormai vicino alla chiusura.
L’ultimo giro di formazione è arrivato quasi puntuale e, come da programma, è stato caratterizzato da tanta attività pratica, impegno e sperimentazione. Isaac Baya, il formatore selezionato per la sua lunga esperienza in gestione e controllo della qualità presso molteplici aziende di Mombasa esportatrici di prodotti ittici dell’Oceano Indiano in Europa, è stato investito del compito di adguare la gestione dell’Uwezo Fish Shop a standard di igiene e qualità accettabili.
Come si lavano le mani? Qual è l’abbigliamento adatto a chi lavora in una pescheria? Come si purifica l’acqua e si disinfettano le superfici che andranno a contatto con il pesce? Domande non scontate per chi, fino a oggi, è stato abituato a lavare il pesce in mare e friggerlo per strada.
Nei primi tre giorni di formazione non abbiamo visto circolare neanche mezzo chilo di pesce. Tutta l’attenzione è stata infatti posta sui temi dell’igiene personale, dell’ambiente e degli strumenti di lavoro. Cinque donne provenienti dall’Uwezo Women Group hanno imparato a disinfettare l’attrezzatura a disposizione e a purificare l’acqua, quindi a produrre ghiaccio in qualità, quantità e forma richieste. In una realtà di “piccola scala” come l’Uwezo Fish Shop, il ghiaccio è un elemento fondamentale della catena del freddo. Una volta raggiunto il sito di attracco, il pescato deve essere immediatamente raffreddato a 0°; uno strato di ghiaccio si alterna a uno di pesce all’interno di contenitori isolati termicamente; è quindi spedito in negozio dove sarà lavato in acqua ghiacciata e poi sistemato negli appositi armadi refrigerati. Il ghiaccio ha quindi molteplici funzioni: abbassare  velocemente la temperatura del pesce in arrivo al porto, conservarlo a 0° fino alla consegna in negozio, raffreddare l’acqua di lavaggio, facilitare Leggi il seguito di questo post »





Firmato l’accordo con Kahingoni Primary School per l’avvio del progetto Pasti Scolastici

29 02 2016

kahingoni_ricreazioneIl progetto Pasti Scolastici a Km 0 (Integrazione di colture tradizionali nelle mense scolastiche per la sovranità alimentare della Sotto Contea di Ganze), finanziato dall’Otto per Mille della Chiesa Valdese è la naturale continuazione in chiave di progetto pilota di due attività del progetto Mihogo: il programma Resilient Schools (8 sessioni di formazione teorica e pratica con i club agricoli di 6 scuole primarie nel 2015 su agroecologia e nutrizione incentrate sulla coltivazione della manioca negli orti scolastici) e la creazione di legami stabili tra i piccoli produttori di manioca e realtà formali del mercato locale.
La scuola primaria di Kahingoni, dopo la partecipazione attiva di ragazzi, genitori e insegnanti nel Resilient Schools l’anno scorso, per questo nuovo anno scolastico è stata selezionata da Halima (la responsabile per CAST a Kilifi delle attività nelle scuole e delle attività di sensibilizzazione per il cambio dei comportamenti) come il partner ideale per il progetto pilota che svilupperà la prima esperienza nella Contea di utilizzo di ingredienti di origine locale nella mensa scolastica.
Fino ad oggi, solo i ragazzi dell’ottava classe, che dormono nelle classi dove di giorno seguono le lezioni in preparazione degli esami di fine anno (a novembre) Leggi il seguito di questo post »





Uwezo Fish Shop …… si Apre!

19 02 2016

DSC_1389.JPGIl conto alla rovescia è partito e porta con sé un crescente carico di emozione e adrenalina, tanto presso il personale Cast di Kilifi, che tra le donne di Uwezo Women Group!
1° Marzo 2016 è infatti la data prevista per l’apertura dell’Uwezo Fish Shop, la pescheria realizzata grazie al contributo della Chiesa Valdese e il grande impegno delle dodici donne che costituiscono Uwezo Women Group.
A ristrutturazione del negozio ultimata, proprio questa mattina mi sono riunita con alcune delle donne per assemblare i tavoli in acciaio inox e posizionare il frigorifero, acquistati a Mombasa la scorsa settimana. Cinque donne in tutto – compresa la sottoscritta – che per qualche ora hanno deposto i coltelli da filettatura per afferrare cacciavite, bulloni e quant’altro previsto nell’imballo dei tavoli.
Ma le attrezzature non si esauriscono qui; rimane ancora una lunga lista di acquisti da fare, ricevere, installare, inventariare, per prepararci all’ispezione dell’Ufficio della Salute di Kilifi incaricato di rilasciare la licenza di idoneità. Fino ad allora, il mio compito più duro sarà Leggi il seguito di questo post »





Sedici coloratissime mama karanga e l’Indian Ocean Commission

21 12 2015

DSC_0758Lo scorso Novembre 2015, sedici coloratissime mama karanga, provenienti da tre diversi gruppi di donne, operativi nel settore della pesca, hanno avuto occasione di partecipare a tre giorni di formazione professionale organizzata dal CAST in collaborazione con un esperto regionale del programma Smartfish, realizzato da Indian Ocean Commission (IOC).
E’ la prima volta che CAST collabora con Indian Ocean Commission nell’ambito di un progetto dedicato al settore ittico, e l’occasione dell’intervento in corso “Mama karanga – le donne della pesca per la sovranità alimentare” si è rivelata particolarmente indicata.
Ancora alla fine del 2014, facendo ricerche sul settore pesca, Leggi il seguito di questo post »





Inizia la fase di chiusura del progetto Mihogo

21 12 2015

kilifi_workshop participants 04-12-15Non so quanti di voi si sono accorti del mio silenzio prolungato su questo blog. Non ero in vacanza, ero solo sommerso da una serie di eventi inaspettati e “challenging” (come si usa dire molto in Kenya, quando ci sono dei problemi) in uno dei momenti più critici del progetto Mihogo: l’avvio della fase di chiusura.
Secondo il contratto che abbiamo con il nostro donor principale, l’Unione Europea, dicembre dovrebbe essere stato l’ultimo mese di attività, ma grazie allo sforzo di CAST (visto che l’aggettivo davanti alla parola prolungamento è “non oneroso”, per il donor!), abbiamo ottenuto di continuare le attività fino a maggio, in modo da finalizzare il lavoro di capacity building dei piccoli contadini con cui lavoriamo, soprattutto sugli aspetti di trasformazione e commercializzazione della farina di manioca.
Infatti, durante le missioni di valutazione (di Pietro Venezia di Veterinari Senza Frontiere Italia a Leggi il seguito di questo post »





Attenzione alle chele del granchio!

12 11 2015

DSC_0556_pSono passati due anni e mezzo dall’ultima volta che ho messo piede a Ihaleni, dove la comunità locale, supportata da Cast e dall’ONG Kenyota Kwetu, è riuscita a realizzare un sito di acquacoltura per la produzione di gamberi, granchi e milkfish totalmente sostenibile; l’allevamento è infatti associato a attività di riforestazione di mangrovie, e il flusso naturale delle maree contribuisce ad alimentare le vasche d’allevamento con periodicità bi-settimanale.
La macchina passa a prendermi sotto casa; la direzione è quella giusta e ad aspettarmi nell’abitacolo trovo Janet e Luizer, accompagnate da Abraham e l’autista Kadenge.
Le due donne di Uwezo Women Group non hanno idea di dove le stiamo portando; a dire la verità neanche Abraham. Per loro tutti è una novità assoluta, e per una volta gioco la parte di chi la sa un po’ più degli altri.
Qualche giorno prima avevo avuto l’occasione di incontrare il presidente di Ihaleni (Nicholas) e parte della comunità presso il Farmers Market, e Nicholas mi aveva raccontato dei progressi in corso presso il sito di acquacoltura, grazie a un finanziamento della FAO.
Non ci ho messo molto a fare l’associazione Leggi il seguito di questo post »








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: